Strumenti personali
Tu sei qui: Portale Recensioni - Reviews F. Sciacca (a cura di), Giustizia globale. Problemi e prospettive,

F. Sciacca (a cura di), Giustizia globale. Problemi e prospettive,

Rubettino, Soveria Mannelli, 2011, pp. 210, euro 18,00. Recensione a cura di Francesco Giacomantonio Questo volume collettivo, la cui pubblicazione è legata ai Seminari catanesi di filosofia politica ed è frutto di ricerche comuni dei vari autori, si indirizza a fornire una utile mappatura della questione della giustizia globale e dei concetti e temi cruciali che ad essa si associano. Nel volume si ritrovano interventi più generali di studiosi affermati, come soprattutto Kymlicka e Veca, e contributi più settoriali di ricercatori più giovani.

Sciacca, F. (a cura di), Giustizia globale. Problemi e prospettive, Rubettino, Soveria Mannelli, 2011, pp. 210, euro 18,00.

 

Recensione a cura di Francesco Giacomantonio


Questo volume collettivo, la cui pubblicazione è legata ai Seminari catanesi di filosofia politica ed è frutto di ricerche comuni dei vari autori, si indirizza a fornire una utile mappatura della questione della giustizia globale e dei concetti e temi cruciali che ad essa si associano. Esso, quindi, tratta una serie di argomenti spesso ritenuti tra i più importanti e influenti della filosofia politica contemporanea. Nel volume si ritrovano interventi più generali di studiosi affermati, come soprattutto Kymlicka e Veca, e contributi più settoriali di ricercatori più giovani.

Il testo si apre appunto con il saggio di Kymlicka dedicato ai diritti delle minoranze, che negli ultimi anni hanno costituito un tema importante non solo per la filosofia politica ma anche, molto concretamente, per il diritto internazionale. Kymlicka coglie a tal proposito, attraverso una disamina puntuale, come “nuovi standard sui diritti delle minoranze sono emersi all’interno del diritto internazionale allo stesso tempo che nuove teorie sul multiculturalismo liberale sono emerse in filosofia politica” (p. 97). Il punto è che però, secondo Kymlicka, esistono limiti all’ampiezza con la quale il diritto internazionale può servire come veicolo per promuovere il multiculturalismo liberale: gli standard del diritto internazionale  e quelli del multiculturalismo, infatti, convergono più strettamente nell’area dei diritti indigeni, mentre c’è una maggiore divergenza rispetto ai diritti degli immigrati. In definitiva, le categorie principali usate  nelle teorie del multiculturalismo liberale sono radicate in particolari regioni del mondo e potrebbero non funzionare bene su scala globale, anzi esacerbando contrasti etnici.

Se si tiene presente già questo iniziale discorso, pervenire a una teoria della giustizia globale, è, secondo Veca, il cui contributo occupa il secondo capitolo del volume, “il compito principale della filosofia politica” (p. 41). Veca argomenta le sue tesi riallacciandosi ai contributi di Nagel e sottolineando la centralità delle istituzioni politiche: in quest’ottica egli è portato a ritenere che il primo passo nella direzione di una teoria della giustizia globale sarà quello di saggiare la legittimità delle istituzioni internazionali che vi sono e anticipare la fattibilità delle istituzioni internazionali che dovremmo poter desiderare per il futuro. 

Da questi primi due saggi del volume, il lettore può iniziare a comprendere come, evidentemente, quando si parla di giustizia globale, entri quasi inevitabilmente in gioco il problema del pluralismo culturale e su questo nesso si impernia il terzo saggio del libro, scritto da Alfieri, che declina l’argomento in particolare rispetto al dialogo inter religioso. Da questo punto di vista, Alfieri ritiene esplicitamente che  “pensare allo stato come un’istanza superiore alle religioni, dotato di un proprio autonomo fondamento di verità che è l’unico che possa valere per l’intera collettività, tutelando le religioni unicamente nell’ambito della sfera privata, (…) equivale a commettere un gigantesco errore di prospettiva” (p. 72). Quindi, per Alfieri, lo stato, in senso autenticamente laico, deve dare la possibilità di cercare ragioni di vita confrontandoci con l’infinito, non ossificarle dentro costituzioni legali. Laicità significa che lo stato cede ugualmente il campo davanti a tutte le religioni, “non che si sforza di ridurle tutte all’insignificanza di gusti personali” (p. 73).

Il discorso filosofico sulla giustizia globale si completa, nel quarto capitolo del libro, con il contributo del curatore dello stesso, Fabrizio Sciacca, che ritiene pensabile l’idea di giustizia globale solo se si mette fuori di scena  dall’ordine internazionale il significato  tradizionale assegnato all’etica. Il nodo della sua argomentazione si può rinvenire nella rinuncia a definire giusto l’ordine globale, “per carenza ontologica e strutturale di materiale argomentativo (giusto rispetto a cosa?)” (p. 86). Dobbiamo, dunque, secondo Sciacca, tornare a un ordine globale vincolato dal diritto internazionale, con la sue debolezze e parzialità, “ma almeno formalmente sussunto da regole giuridiche” (p. 87).

I capitoli successivi del volume, dopo queste prospettive più marcatamente teoriche e concettuali, toccano punti più settoriali e specifici. Brudholm, così, si occupa di crimini dell’odio (ossia quei crimini  motivati dal pregiudizio o dall’odio dell’autore verso certe identità di gruppo, sessuali o etniche, ecc.) rispetto ai diritti umani; Renzo sviluppa una critica del principio del danno internazionale, concentrandosi sul tipo di danno inflitto alle vittime anziché fare appello al fatto che le vittime vengono trattate in base a caratteristiche che sono al di là del loro controllo, o al fatto che tali crimini pongono rischi alla pace o alla sicurezza internazionale; Maimone si sofferma sul tema delle appartenenze, difendendo il modello politico centrato sulla democrazia deliberativa, ritenuto in grado di garantire il giusto grado di partecipazione e inclusione, armonizzando le istanze interculturali; Spoto, da parte sua, analizza la rivolta come prospettiva di analisi dell’immigrazione, invitando a sgombrare il capo da posizioni ideologiche sul fenomeno dell’immigrazione, ridimensionando nel dibattito teorico sull’immigrazione l’eccessiva importanza delle questioni culturali; e, infine, Russo, considera i confini politici e simbolici dell’accesso globale alle cure, ponendo in luce il problema di una concezione occidentale di cura probabilmente non sempre armonizzabile con quella dei paesi poveri non occidentali.

Tutti i saggi proposti dal libro curato da Sciacca, che abbiamo qui cercato necessariamente di sintetizzare nelle loro tesi fondamentali, contengono spunti per più ampie e eterogenee riflessioni, contribuendo a dare una visione articolata del vasto universo teorico che ruota attorno al dibattito sulla giustizia globale.


Francesco Giacomantonio

Questo documento è soggetto a una licenza Creative Commons

Azioni sul documento